sabato, luglio 26, 2014

Ultima tappa, da Trento a Riva del Garda 63 km per 2300 metri di dislivello.


Ultima tappa, da Trento a Riva del Garda 63 km per 2300 metri di dislivello. Doveva essere una passeggiata, perché è la tappa più facile. Invece siamo partiti con pioggia grossa come noci. 3 ore per salire a 1500 metri con questa pioggia continua, fango a tonnellate come vedete dalle foto, freddo in salita e non vi dico nei 20 km di discesa. Gente ritirata per ipotermia e feriti per cadute portati via con elioambulanza. Stranamente felici di vedere la seconda salita per scaldarci, durante l'ultima discesa ha smesso di piovere.
Poi finalmente dopo circa 7 ore abbiamo visto Riva del Garda.
Incedibile ma c'è l'abbiamo fatta. Esperienza bellissima, non solo per i posti visitati, ma anche per la gara di coppia. Per me che di solito sono un solitario, dovermi gestire considerando le esigenze del mio compagno Ato e' stata una piacevole novità. Negli ultimi due giorni e' stato bello fare due battute ad ogni incrocio con tutti gli sbandieratori conosciuti. Salutare e complimentarsi con gli altri corridori che tutti i giorni riincontravamo. Salutare per l'ultima volta la ragazza che tutte le mattine ci sgrida va in tedesco perché  cercavamo di partire una griglia più avanti.
Grazie a tutti voi per averci seguiti e tenuto compagnia, siete stati fantastici. Grazie a Ato che mi ha accompagnato e a Gian che si è occupato di noi, dalla guida del camper alla spesa a tutto quello che ci serviva. Ancora una grazie a mia moglie che mi sostiene in queste mie stupidaggini e ai miei figli che in mia assenza sono sempre più responsabili. 
Infine, grazie a chi da lassù, in qualche modo fa in modo che vada tutto bene e non succeda niente di grave. 
Ciao a tutti e alla prossima... ;-)

Nessun commento: