lunedì, luglio 13, 2015

Purtroppo ultima tappa, Enkhuizen - Amsterdam 66 km.

Purtroppo ultima tappa, Enkhuizen - Amsterdam 66 km.
Oggi non mi sono accorto di questi 66 km, vuoi per l'adrenalina di arrivare o perché ormai le gambe pedalano da sole, i km sono volati. Purtroppo anche questa volta la tristezza che tutto è finito soffoca la felicità di essere arrivati. Si perché in realtà l'obbiettivo non è vedere la destinazione finale, ma tutto quello che sta in mezzo tra la partenza e l'arrivo. L'unica foto che posso pubblicare oggi immaginate quale possa essere.
Quest'anno devo ringraziare Onorato Fedon che mi ha accompagnato, rendendo piacevoli le pedalare e le serate, quando di solito ero sempre solo. Ringrazio mia moglie e i miei figli che anche questa volta mi hanno fatto stare tranquillo. Ringrazio tutti voi che mi avete seguito e tenuto compagnia. Sembra stupido ma quando sei lontano da casa basta un MI PIACE per ricevere forza. Infine ringrazio ancora quegli angioletti che da lassù hanno fatto si che tutto andasse bene e non mi succedesse niente.
Ciao a tutti e grazie.



sabato, luglio 11, 2015

E oggi si va ad Amsterdam

Clicca qui per seguire

Emmerich am Rhein - Enkhuizen 160 km.

Emmerich am Rhein - Enkhuizen 160 km.
Oggi doveva esse l'ultimo giorno e saremmo dovuti arrivare ad Amsterdam. Ma l'aereo l'abbiamo prenotato per lunedì 13. Arrivando a destinazione come da programma, avremmo dovuto passare la domenica ad Amsterdam, con il rischio di dover vedere qualche mostra o qualche museo. Allora ci è venuta una idea. Allunghiamo 100 km circa, passiamo a nord sull'argine di 25 km e domenica arriviamo ad Amsterdam. Tanto benzina e autostrada non li paghiamo.
Questa mattina partenza alle 7, abbiamo dormito un'ora in più.Dopo pochi km arriviamo in Olanda. E ragazzi, lasciatemelo dire, in questo paese se vai in macchina sei sfigato. Passaggi a livello solo per bici, semafori solo per bici, rotatorie solo per bici. E la bici ha la precedenza su tutti. Ve ne dico solo una. Intorno alla rotatoria delle macchine c'è quella delle bici, ma a un certo punto la bici deve attraversare la strada delle macchine. Be, si devono fermare le macchine sulla strada e quelle che hanno impegnato la rotatoria, per far passare le bici.
In ogni avventura c'è almeno un evento che mi rimane impresso. Questa volta penso sarà pedalare per 25 km su una striscia di terra in mezzo al mare. Con poco vento e un bel sole. Con gli aironi che ti passano davanti volando.
Non vi annoio oltre. Aggiungo qualche foto e una sola foto cartolina (non mi piacciono quelle cartolina) da sopra l'argine. Però purtroppo so già che non renderà l'idea.
Ciao a tutti, a domani e grazie.
L'argine di 25 km.
Una parcheggio bici su più piani.
In un paese pieno di quadri di Van Gogh indovinate che forma ha il biscotto del caffè ? ORECCHIO 
Classico vecchio mulino
Questa è una strada a due sensi di marcia. Guardate la macchina, ne passa una sola. Hanno più importanza le bici.
Passaggio a livello per macchine e di fianco quello per bici.
Cosa vorrà dire ? Pericolo ciambotti ?

venerdì, luglio 10, 2015

Non ultima tappa. Cambio di programma.

A sorpresa. Clicca qui per capire dove andremo oggi.

Ottava giornata, Colonia - Emmerich am Rhein 155 km.

Ottava giornata, Colonia - Emmerich am Rhein 155 km.
Partenza dalla caotica Colonia in direzione Düsseldorf. Città grandissima, moderna, super pulita e con poco traffico, stranamente aria pulita. In un semaforo ho fatto un po' di confusione, da buon italiano ho provato a fregare upassando vicino alle rotaie del treno, alzo la testa e mi vedo il treno merci venirmi incontro. Mi suona, mi scuso e il macchinista mi sorride. Poco più avanti la ciclabile attraversa le rotaie del treno, guardiamo prima di attraversare e vediamo a sinistra il treno che si ferma per farci passare. Booo, in Italia NON passate assolutamente sulle rotaie.
In pochi km si passa dalla metropoli alla campagna coltivata, sempre sempre su piste ciclabili. Bellissime chiese gotiche e case costruite con mattoni scurissimi. Attraversiamo piantagioni di ciliegie e lamponi, vi lascio solo immaginare cosa c'era dentro al bombolone e il tortino della seconda colazione e pranzo. Sole ma aria fresca, si sta benissimo.
Per dimenticare che domani purtroppo si arriverà e finirà tutto, vi allego qualche foto curiosa. A proposito, qui sono un po' più turistici, quindi TORNANO LE PALLINEEE.
Indovinate cosa vendono qui !

Questa mamma ha risolto brillantemente il problema del trasporto dei figli.
Questo penso sarà il mio prossimo lavoro. Il postino in BICIII
Che che se ne dica, la Ferrari si lava in giacca e cravatta.
Coltivazione di ???
Speriamo di non dover dare la precedenza alle aquile !
Be, qui ci ho dovuto mangiare per forza :-)
Se entro qui dentro faccio un macello !!!
Ricordate quando da piccoli si giocava nella via di casa ? Be, qui lo fanno ancora e lo scrivono anche all'inizio della via.


 

giovedì, luglio 09, 2015

Ottava giornata direzione Emmerich am Rhein

Clicca qui per seguirmi in diretta

Settima giornata, Mainz - Colonia 221 km, poca salita ma vento sempre contro.

Settima giornata, Mainz - Colonia 221 km, poca salita ma vento sempre contro.
Paesaggio bellissimo, km e km di ciclabili sulle sponde del Reno. Aria fresca e a volte fredda. Anche 1 ora di pioggia. Informazione tecnica, I castelli della Romantic Strasse li hanno spostati sul Reno. Un insieme di natura, paesini tipici e turistici uno dietro l'altro, castelli, chiese. Poi ho perso un po' di tempo dentro Bonn e Colonia perché belle ma grandi. Su 221 km ne avrò fatti 190 di ciclabili. Incredibile il rispetto per i ciclisti. Se la macchina dietro di te deve girare a destra, ti aspetta dietro che tu passi. La macchina prima di arrivare allo stop controlla se la ciclabile e' libera. Se la macchine impiccia alla bici, fa retromarcia. I pedoni non occupano mai le piste ciclabili, prima di attraversare la ciclabile, anche se sul marciapiede, controllano come fosse una strada. Grazie a queste cose, ti puoi permettere di andare tutto sparato nelle ciclabili, salendo e scendendo marciapiedi anche nelle grandi città. Grazie al navigato che ha volte pensa bene di farti fare vicoli assurdi, si possono vedere cose curiose.
Strada di paese, Pinocchio aspetta il tram
Cigni sul Reno
Vestitino per bici
Voglio vedere chi gli suona il campanello. Se zummate nella porta c'è anche "attenti al cane"
Ai semafori i posti davanti sono per le bici

Occhio alla coca life .

mercoledì, luglio 08, 2015

Settima giornata direzione Colonia

clicca qui per seguirmi in diretta

Sesta giornata Wurzburg - Mainz 179 km.

Sesta giornata Wurzburg - Mainz 179 km.
Giornata fresca e ventosa. Quasi tutto sottobosco a 25 gradi. Gli ultimi 90 km contro un vento fortissimo. Ma come promesso, oggi vi racconto e mostro come mi sto alimentando tutti i giorni. Certo che sti tedeschi quando vengono in Italia e vedono i mignon, anzi che non ridono. Aggiungo anche qualche foto curiosa e spiego nella foto.
Prima colazione.
Seconda colazione.
Prazo.
Merendina delle 14:00
Merenda delle 16:00 a base di frutta.
Non so cosa c'è scritto. Ma sto cane non la può fare neanche in campagna !!!
Cartelli ciclabili in campagna
L'altezza è riportata, quindi la aggiornano
Fatti con balle, un po' terrificanti
Pannelli solari sui tetti non da poco
In mezzo a una rotatoria, girano tutte e ci sono anche i pannelli solari
Il Reno













martedì, luglio 07, 2015

Sesta giornata direzione Mainz

Clicca qui per seguirmi

Quinta giornata, Kaufering - Wurzburg, 248 km.

Quinta giornata, Kaufering - Wurzburg, 248 km.
Partenza ore 6. Garage chiuso, quindi niente bici. Va bo, aspetto la signora.
Metà tappa in discesa e l'altra metà tutto saliscendi. L'aria di montagna è finita, oggi caldo come in Italia. Vento a favore non si respira, vento di traverso caldo e forte, si respira un po' ma si pedala peggio. Ma guai a lamentarsi.
Oggi il navigatore mi ha fatto passare dentro tutti questi paesini molto piccoli. Ordinatissimi e mi sembra di capire abitati da gente che lavora in campagna. Raramente ci si trova un bar. Ma la cosa più forte sono le ciclabili. Le usano tutti, bambini da soli, anziani, stradisti. Funzionano al contrario dell'Italia, come sempre. Da noi la ciclabile la trovi nel paese o città, magari colorata con una riga sui marciapiedi. Qui la ciclabile collega i paesi e a volte dentro i paesi si interrompe. Tutti con caschetto. E secondo me qui è pulito non tanto perché non buttano roba a terra, ogni tanto qualche cartaccia c'è, ma perché tutti hanno il senso morale di pulire. Guardate questo signore che questa mattina con delle pinzettone di legno raccoglieva cicche di sigaretta.
Oggi purtroppo giro da solo, Ato si è riposato e molto gentilmente mi ha spedito le palle di vetro a casa. Quindi dopo 248 km con 36 gradi, mi merito la palla più grossa di Wurzburg.
Qui iniziano i mulini, quindi speriamo di non avere vento contro domani.
PS. Grande cultura dolciaria, oggi ero solo, li ho sentiti quasi tutti :-P


lunedì, luglio 06, 2015

Quinta giornata direzione Wurzburg

Clicca qui per seguirmi in diretta

Quarta giornata, Innsbruk- Kaufering (DE) 157 km.

Quarta giornata, Innsbruk- Kaufering (DE) 157 km.
Non so se riuscirò a raccontarvi tutto.
Ricordate la mia paura di ieri su chi preparava la colazione ? Be sudino non c'è e non ha lasciato detto. Dopo un po' che giriamo da soli nella cucina, salta fuori la donna delle pulizie. Lei non sa niente della colazione, sta pulendo. Dopo qualche insulti di Ato in tedesco, le si convince e con i suoi bei guanti da lavoro ci prepara la colazione. Partiamo, usciamo e piove. Poco male tanto è caldo. Iniziamo subito con delle belle salite. Dopo 80 km su e giù ci togliamo di mezzo le Alpi, inizia la discesa. Arriviamo a Fussen, paese caotico e turistico, nel centro io e Ato ci perdiamo. Dopo 15 minuti ci ritroviamo e si riparte verso questa famosa Romatic Strasse. Siamo in ritardo, quindi ci perdiamo il castello più bello. Pranzo in questo posto con dolci maleducati. Fate una proporzione tra la paletta e i dolci e capite che sembra de essere in una favola, dove tutto è gigantesco. Si riparte per questa famosa strada, paesaggi naturali fantastici, con un alternarsi di odori. Prima odore di legna tagliata e poi odore di cacca di mucca, questo per circa 50 km. Forse ho capito anche il perché del nome della strada. Non essendoci niente oltre alla natura, due innamorati non posso fare altro che ... 
Ato è stanco (è la prima volta che fa 150 km), ha fame, niente bar, niente di niente. Fino a quando in un paese esce la scritta bier. "Vieni Ato qui si mangia" poi guardo sotto al portico e vedo Ciccio bello che fuma e con la testa fa NO. Ma quando vede la situazione di Ato ha compassione. Allora pensa bene di portarci cibo per ciclisti (abbiamo 150 km e Ato è stanco). Due bei piatti di insalata di würstel con formaggio cetrioli e cipolla. Be, io ho paura del tipo la mangio tutta. Infine ripartiamo e ci fermiamo nel paese più vicino con treno. Forse domani sono solo per un giorno.

Grazie per la pazienza è grazie a tutti.

Quando giorno direzione Augusta (DE)

Clicca qui per seguirmi

domenica, luglio 05, 2015

Terza giornata, Bolzano - Telfs (AU) 165 km.

Terza giornata, Bolzano - Telfs (AU) 165 km.
A Bolzano sono troppo avanti, macchina elettrica in parcheggio pubblico che si ricarica. Bellissima ciclabile fino a Bressanone dove in teoria avevo appuntamento con Ato. Ma non ci siamo capiti sul punto esatto, quindi dopo qualche giro gli ho detto:" ci vediamo a Vipiteno", tanto qualche km in più !!! Appuntamento sotto alla torre del centro di Vipiteno e mentre lo aspetto noto una cosa strana nella lancetta dei minuti nel l'orologio della torre. Booo sarà qualche simbolismo che non capisco. Ato arriva bellissimo come sempre, caffè e si parte in direzione Innsbruk. Fine Italia e si entra in Austria. E qui iniziano i primi problemi per l'acquisto della pallina, ma fino a ball + box ci sono arrivato e lei ha avuto pietà. Dato che ci siamo, ci portiamo più avanti sulla tabella di marcia, 28 km in più e siamo a Tielfs. Sono circa 38 gradi anche qui, tutti i paesi attraversati sono deserti, forse sono tutti al mare da noi. Infatti Ato mi dice che qui un caldo così ci sarà un giorno all'anno. Sarà per questo che l'albergatore suda più della fontana in paese. Spero solo che la colazione non la prepari lui :-( 
Godetevi le foto e domani si va per Castelli.